Tag Archives Telegram

FORZA NUOVA IN PIAZZA IL 25 APRILE. SU TELEGRAM SI ORGANIZZANO IN MIGLIAIA.

Che sia per l’invito di Fratelli d’Italia a dedicare il 25 aprile alle vittime del coronavirus e di sostituire Bella Ciao con la Canzone del Piave, o per l’assessore leghista Massimo Asquini che invita al suicidio gli italiani che parteciperanno al flash mob casalingo dell’Anpi, certamente si può affermare a gran voce che la festa della Liberazione sia ancora altamente divisiva.

Ed è un peccato che quella che dovrebbe essere una festa in ricordo della liberazione dai nazi-fascisti da cui è poi nata la nostra Repubblica democratica debba essere così tanto disprezzata e con essa anche tutti i valori che si porta dietro.

Non si chiede di amare il 25 aprile ma quantomeno di rispettare questa data e quello che simboleggia. Chiaramente non la pensa così quella gente che sui social invita a far rumore quel giorno per evitare si senta la gente che dai balconi di casa canta “Bella Ciao”.

Quest’anno a destare preoccupazione, anche alla stessa ministra Lamorgese, si aggiungono tutti gli estremisti di destra, ma non solo, intenzionati a scendere in piazza questo 25 aprile alle ore 17. Roberto Fiore, segretario di Forza Nuova, su Twitter invita a rompere la “gabbia di una quarantena intollerabile” ed in poche ore un gruppo Telegram nato con il medesimo scopo ha già raccolto quasi 24mila membri pronti ad esprimere “il proprio dissenso al decreto che ci hanno imposto”.

Su Telegram si definiscono un popolo dal desiderio di essere liberi, seppur con precauzioni, di “andare dove preferiamo” avendo loro conoscenze scientifiche che evidentemente agli esperti sfuggono. Ai soliti noiosi nostalgici del ventennio travestiti da democratici quest’anno si aggiungono anche medici ed economisti laureati all’università della vita.

IL CANALE TELEGRAM CHE INVITA A STUPRARE LE RAGAZZINE PER LE LORO FOTO INSTAGRAM

Questa notte ha chiuso il discutibile canale Telegram “Troiett* di Instagram” il cui scopo è riassumibile con minacciare e minare la dignità delle ragazze oltre che chiaramente far sentire potenti un gruppo di ragazzini a cui veniva dato il potere di scegliere la ragazza più “stuprabile”. Sul canale nato da un paio di giorni, ma con già quasi 400 partecipanti, era possibile trovare foto di ragazze prese dal loro account Instagram che venivano poi associate a inviti allo stupro o allo sgozzamento per il quale gli admin sembrano avere una sorta di venerazione.
Dopo aver fatto passare una orrenda Pasqua a tante ragazze che si sono viste associate a “troie” da sgozzare o stuprare solo per aver esercitato la loro libertà di poter postare una foto in costume, soprattutto nel Salento, ci si è mobilitati ed una volta che sono sbucati fuori alcuni nomi di possibili admin il canale ha preferito chiudere. Non possiamo avere certezza che siano questi i nomi a cui poter dare la colpa di far passare il messaggio secondo cui una minigonna ti dia il diritto di stuprare una ragazza (ed anche per questo non intendo far nomi) ma sicuramente possiamo affermare la viltà di chi si diverte a rovinare una vita da dietro uno schermo senza mai metterci la faccia e assumersi la responsabilità per quei messaggi che sembrano scritti da un bambino delle materne il cui unico risultato è far sentire uno schifo ragazze che non hanno colpe.
Mi dispiace vedere che per colpa di determinate realtà, troppo spesso non ascoltate dalla polizia postale, ci siano ragazze che arrivano persino a togliersi da Instagram o ad eliminare le foto dal proprio profilo quasi a volersi proteggere imputando parte della colpa al social stesso che però è uno strumento e come tale lo si può usare per lasciare qualcuno in lacrime o per fare una raccolta fondi il cui fine è salvare vite.
Direttamente da Telegram avevo invitato diverse persone a segnalare ed avevo ieri notte scritto una mail ad un avvocato specializzato in realtà concernenti internet ma sono felice questa battaglia sia stata vinta prima ancora che la mail venisse aperta. Sarebbe però da stupidi non prendere in considerazione l’idea che ci possa essere nuovamente bisogno di mobilitarci….fortunatamente per ognuno di loro ci sono mille di noi.

Dalla mia pagina Facebook personale

Questa notte ha chiuso il discutibile canale Telegram “Troiett* di Instagram” il cui scopo è riassumibile con minacciare…

Pubblicato da Giulio Raganato su Lunedì 13 aprile 2020