Tag Archives Sessismo

ORGANIZZA STUPRO DI GRUPPO PER PUNIRE LA MOGLIE

By Posted on 0 1 m read 77 views

A Colico, Lecco, un uomo di 40 anni è stato arrestato con l’accusa di aver organizzato uno stupro di gruppo ai danni della moglie che voleva separarsi e su lui pende anche l’accusa di maltrattamenti al figlio. Dopo la denuncia della moglie si sono ottenute altre prove e per ora l’uomo si trova in carcere a Pescarenico. Indagati anche gli altri uomini che avrebbero partecipato allo stupro.

DÀ DELLA PROSTITUTA ALLA MINISTRA

By Posted on 0 1 m read 158 views

Dopo gli attacchi alla ministra Teresa Bellanova per il suo vestito e il passato da bracciante (la cui riposta migliore credo sia rappresentata dalle parole di Di Vittorio) tocca questa volta alla ministra Paola De Micheli. L ministra Paola De Micheli a parlamentare che ora siede al dicastero dei Trasporti è stata attaccata da un esponente di CasaPound, Andrea Cpi, in un post che la ritraeva in un vestito rosso e scollato con il seguente commento: “Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti… appena staccato dal turno sulla Salaria”. Il riferimento è chiaro: si è detto che l’onorevole è una prostituta per il suo modo di vestirsi. Il post di Andrea Cpi è stato presto eliminato ma era oramai troppo tardi e gli screen stanno facendo il giro di internet.

“SE NON PUOI SEDURLA…PUOI SEDARLA”. POLEMICHE PER LA MAGLIETTA DEL VICESINDACO

By Posted on 0 1 m read 124 views

Sta facendo molto discutere una ignobile maglietta indossata dal vicesindaco di Roveré Veronese, Loris Corrado, in occasione dell’estrazione della lotteria del centro abitato domenica scorsa che recita “se non puoi sedurla…puoi sedarla”. La vicenda è divenuta pubblica grazie a una lettera pubblicata su L’Arena scritta e inviata da una signora che giustamente ne era rimasta indignata. “Domenica sera, festa di Santa Viola. Davanti ai migliaia intenti a mangiare si estraggono i numeri della lotteria. La presentatrice chiama sul palco il vicesindaco di Roveré Veronese (Lega) e legge divertita la maglietta che costui indossa, che recita: ‘Se non puoi sedurla… puoi sedarla’. Seguono risolini. Mi chiedo cosa pensino, le donne veronesi, della battuta e del messaggio lanciato da un rappresentante delle istituzioni; a me, e alle amiche e amici seduti al mio tavolo, non ha fatto per niente ridere”. L’ufficio stampa della Lega precisa però che Loris Corrado non è tesserato del loro partito ma bensì di Fratelli d’Italia di cui sarebbe stato anche coordinatore locale.

MINACCIATA PER AVER SOCCORSO STRANIERO

By Posted on 0 1 m read 110 views

Domenica mattina nella zona di parco Forlanini a Milano si trovava a terra un ecuadoriano di nemmeno 30 anni sdraiato a testa in giù probabilmente perché ubriaco. A passarci vicino, se non quasi sopra, sono stati in tanti tra uomini, donne, giovani e vecchi ma nessuno è sembrato curarsene e fregarsene un minimo per aiutarlo, almeno finché l’avvocatessa Beatrice Bordino, che camminava coi suoi cani, lo vede e lo soccorre. Se già è preoccupante l’indifferenza generale lo è ancor di più sapere cosa alcuni hanno risposto alla donna. Tra chi insultava a suon di “brutta tro** lascialo lì” e chi si mostra dispiaciuto perché il ragazzo non era affogato su un barcone (“un neg**, uno straniero che doveva affogare sul barcone”) non manca chi intima di non chiamare l’ambulanza: “se osi chiamare i soccorsi, ti meniamo maledetta tro**, bisogna lasciarli morire questi immigrati di mer**, ricordati che i soccorsi li paghiamo noi contribuenti mica questi neg**”. A invocare Dio affinché “affondi tutti i barconi” è invece una anziana signora; una di quelle che probabilmente sono cristiane perché così hanno imparato e che mai si sono interrogate o approfondito quel che professano. “Me ne sono andata tremando. Poi ho fermato due vigili a cui ho spiegato i fatti. Risposta: ‘Ce ne sono tanti…’. Torno per portare dell’acqua al ragazzo, ma un amico lo stava accompagnando via. Al che mi sono seduta. E ho iniziato a piangere. Nessuno mi farà diventare una non-persona. Voglio denunciare questi comportamenti, non resto in silenzio” conclude Beatrice.