Tag Archives politica

“IMMUNI” È SESSISTA? ASSOLUTAMENTE NO

Se vi chiedete quale sia il livello del dibattito in Italia la risposta arriva dalle proteste per l’app Immuni che è stata accusata di essere sessista per via di una sua immagine che raffigura una donna tenere in braccio il bambino mentre il presunto marito lavora in smart working (anche se nessuno ha detto sia effettivamente il coniuge e che al computer stia lavorando e non stia facendo altro). È bastata una immagine stilizzata a far imbestialire leader da destra a sinistra che hanno così potuto ottenere due minuti di visibilità su Twitter e giornali online arrivando anche a riuscire a far invertire i ruoli nell’immagine con l’uomo che ora culla il bambino e la donna al PC. Che tristezza, esce una applicazione che ha fatto tanto discutere sul fronte privacy e che probabilmente verrà scaricata da pochi rendendola pressoché inutile e quello a cui si pensa è una raffigurazione fatta da un grafico che, a mio parere, come tanti utenti non ha pensato neanche mezzo secondo che la donna debba restare esclusivamente a casa a stirare e accudire i bambini. Si è presa una immagine innocente e la si è attaccata definendola sessista senza prima chiedersi se chi l’ha ideata abbia queste idee e l’abbia realizzata perché sostenitore di una presunta divisione dei ruoli secondo cui è l’uomo a portare il pane a casa: ci si è limitati ad attaccare qualcosa beceramente come si potrebbe fare un po’ con tutto, dalla pubblicità in cui è la madre a preparare la merenda per i bambini a quella in cui è la donna a comprare il rasoio per sua figlia. Non importa se affiancate all’immagine incriminata ce ne siano altre in cui sembra che la donna abbia un compito paritario rispetto all’uomo o che qui si stia parlando di una diamine di immagine stilizzata che volendo potrebbe essere attaccata in altri mille stupidissimi modi. No, quello che conta è il like in più che ti consente di finire in tendenza e sia se rasenti il ridicolo e non giovi a quella che dovrebbe essere la vera causa: perché ad esempio fermarsi a riflettere su riduzione del gender gap utilizzando anche strumenti come il congedo parentale quando si può accusare di sessismo una immagine stilizzata di una donna che tiene in braccio il bambino? Alcuni hanno toccato un punto di non ritorno per il quale va bene prendersela per il nulla ma poi non ci sono problemi se un ragazzo come Marco Crepaldi viene pesantemente insultato perché (con pacatezza e pensiero critico) non concorda con certe sfaccettature assunte da parte di alcune presunte (nazi)femministe che sporcano solo una buona causa.

GLI STATI UNITI TORNANO NELLO SPAZIO SCRIVENDO LA STORIA

Alle 21.22 di ieri ora italiana si è scritto un nuovo pezzetto di storia con la partenza del razzo Falcon9 della compagnia privata SpaceX con destinazione la Stazione spaziale internazionale (Iss). La partenza si è avuta dalla storica Cape Canaveral, prima Cape Kennedy, e non succedeva dal 2011, anno in cui terminò il programma Space Shuttle. Il lancio, rimandato a causa del maltempo qualche giorno fa, è stato anche ieri incerto sino all’ultimo ma alla fine tutto è andato per il meglio e la capsula Crew Dragon con dentro gli astronauti Bob Behnken e Doug Hurley si dirige verso destinazione. Astronauti Nasa e finanziamenti pubblici uniti alle tecnologie sviluppate da SpaceX hanno fatto di questo lancio una nuova pagina dei libri si storia della quale ci si ricorderà come per la prima volta una società privata abbia mandato uomini in orbita e come il razzo con il compito di sostenere la spinta per la fase del lancio sia tornato a terra. Trump, che con il vice Pence ha assistito al lancio, non ha nascosto la gioia e le speranze per il futuro: “oggi è cominciata una nuova era di ambizioni americane. Siamo una nazione di pioneri. La prima donna ad andare sulla luna sarà americana e il primo equipaggio ad arrivare su Marte sarà americano”. Che sia la rinata voglia di scrivere la storia o le crescenti avversità con la tecnologica Cina quello che importa è che sembra sia tornata la voglia di far superare sempre più all’uomo i confini terrestri. A differenza degli ultimi lanci la novità sta anche nella riscoperta indipendenza spaziale degli americani e alleati come ha ricordato anche Giorgio Saccoccia, presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, che parla anche di “contributo dell’Italia a questo lancio”. Sicuramente questa è una impresa che Oriana Fallaci avrebbe descritto magistralmente.

ITALIA VIVA HA SALVATO IL SEGRETARIO LEGHISTA? BREVI PRECISAZIONI IMPOPOLARI

Tredici a sette. Ieri la giunta per le Immunità ha deciso: Salvini non deve essere processato per il fermo imposto all’Open Arms con a bordo 150 migranti. È la terza volta che Salvini si trova in un analogo guaio e, siamo sinceri, la vera notizia questa volta sembra essere la decisione dei tre deputati di Italia Viva di non partecipare al voto. Da lì la fine: basta leggere i titoli di alcuni dei principali giornali italiani o farsi un giro su Facebook per capire che effettivamente la notizia questa volta è rappresentata proprio dal non voto del partito di Renzi che però, a onor del vero, non avrebbe comunque cambiato l’esito finale per via del voto del senatore Giarrusso (ex M5s) e della dissidente grillina Riccardi. Le motivazioni di IV arrivano per mezzo di Francesco Bonifazi per il quale “la motivazione principale per cui Italia Viva decide di non partecipare al voto risiede però nel fatto che, dal complesso della documentazione prodotta, non sembrerebbe emergere l’esclusiva riferibilità all’ex ministro dell’Interno dei fatti contestati”. Innegabile.

Chiaro è che tenere centinaia di persone ferme in mare per quasi un mese non è accettabile e che la colpa per quanto successo sia principalmente dell’ex ministro dell’Interno, ma non si può negare che, piaccia o meno, il suo non dovrebbe essere l’unico nome di cui parlare. Non dovrebbero essere i complici a condannare la condotta di chi appoggiavano e bisognerebbe anche ricordarsi che i cambiamenti effettuati in ambito immigrazione da parte di questo governo non sono poi tanto rivoluzionari ed anzi la linea da seguire non sembra poi molto diversa da quella dell’esecutivo precedente. Lo capisco, è questione di equilibri politici e la politica non può non essere anche questo, ma lasciate che venga anche detto che c’è del politico in questi possibili processi (a prescindere da Palamara e CSM) che colpiscono persone mirate.

Non fraintendiamoci, da qui a dire che Salvini agì bene c’è molta strada e miei vecchi articoli lo ricordano, ma forse bisognerebbe soffermarsi un attimo a domandarsi se questo possibile processo puzza di “politico” e se è il caso di chiedere all’opposizione di essere uniti per poi provare a condannare il suo principale esponente. In ogni caso molto è ancora da decidere e sarà il Senato a mettere l’ultima parola in una votazione per nulla scontata dati i risicati numeri della maggioranza e la presenza di alcuni grillini filoleghisti oltre che dei tanti deputati renziani.

ECCO COSA PREVEDE IL DECRETO RILANCIO:

Approvato finalmente dal CdM il testo del decreto Rilancio che accompagnerà famiglie, imprese e lavoratori in questa fase 2. Parliamo di oltre 250 articoli e di un totale di 55 miliardi di euro utilizzati per misure che vanno dallo stop all’IRAP al reddito di emergenza. Vediamo alcune delle misure principali:

  • Rinnovato il bonus di 600 euro per le partite IVA che nel caso di perdite superiori al 33% rispetto al fatturato dello stesso periodo dell’anno precedente potrà salire anche a 1000 euro;
  • Divieto di licenziare i propri dipendenti per 5 mesi;
  • Ecobonus del 110% riconosciuto per gli interventi di riqualificazione energetica e antisismica che avvengono tra 1° luglio 2020 e 31 dicembre 2021;
  • Velocizzata e prorogata la cassa integrazione;
  • Bonus colf e badanti per 500 euro;
  • Reddito di emergenza per quelle famiglie con ISEE sotto i 15mila euro che non usufruiscono già di altri tipi di sostegni economici;
  • Bonus baby sitter (ma utilizzabile anche per pagare centri estivi) che raddoppia da 600 a 1200 euro;
  • Confermato il congedo parentale retribuito al 50% per un massimo di 30 giorni in caso di figli di età non superiore ad anni 12;
  • Abolizione rata giugno dell’IRAP per le imprese che nel 2019 hanno avuto un fatturato non superiore a 250 milioni di euro;
  • Prorogate diverse scadenze fiscali;
  • Contributi a fondo perduto che vengono determinati applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019;
  • Bonus vacanze di 500 euro per quelle famiglie con un ISEE inferiore a 40mila euro intenzionate a fare le vacanze in Italia;
  • Intervento cospicuo per la sanità di 3 miliardi e 250 milioni di euro;
  • A università e ricerca andranno 1,4 miliardi di euro;
  • I cittadini stranieri con permesso di soggiorno scaduto tra il 31 ottobre 2019 e il 31 gennaio 2020 hanno la possibilità di richiedere un permesso di soggiorno temporaneo della durata di 6 mesi per svolgere lavori in agricoltura o come colf e badanti.

Questo è solo un elenco di alcune delle principali misure messe in campo dal governo.

IL DEPUTATO LEGHISTA SU SILVIA ROMANO: È UNA “NEO-TERRORISTA”

Si chiama Alessandro Pagano, è un deputato della Lega, e può assumersi il merito di aver portato volgari attacchi a Silvia Romano anche in Parlamento. Il deputato riferendosi alla ragazza da poco liberata ha parlato di “neo-terrorista”.

Parole quelle di Pagano che non sono piaciute a nessuna forza politica e a nessun leader: da Meloni che commenta come “da patriota farò tutto quello che posso fare per riportare a casa l’ostaggio” a Di Maio che parla di parole che “segnano una triste pagina della storia italiana”.

Così, mentre ci si voleva lasciare alle spalle questa vicenda, Silvia Romano, o meglio Aisha, torna a far parlare di sé per le parole di un deputato che arriva ad accusarla di essere una terrorista senza fornire mezza prova. Le sue parole offensive non devono aver fatto piacere né agli italiani di religione islamica né ai politici che ancora credono nel rispetto e nella serietà istituzionale.

Forte la risposta del presidente della Camera Roberto Fico: “Le parole d’odio rivolte a Silvia Romano nell’aula della Camera dei deputati sono violente e inaccettabili. Montecitorio è il luogo del dibattito e del confronto, anche acceso, non la sede per formulare insulti a una giovane che viene da diciotto mesi di inferno”.
Si può aggiungere anche questo agli spiacevoli episodi che hanno avuto luogo in Parlamento.

video On. Alessandro Pagano

UE AVVERTE ISRAELE: CI SARANNO SANZIONI?

“Come abbiamo detto più volte, l’annessione non è in linea con il diritto internazionale” e quindi se Israele continuerà i tentativi di annessione della Cisgiordania “l’Ue agirà di conseguenza”. A spiegarlo è Peter Stano, portavoce dell’Alto rappresentante dell’Ue che ha spiegato che i ministri degli Esteri dei vari Paesi dell’Unione discuteranno dell’argomento venerdì.

Si considera la possibilità di imporre sanzioni a Israele in caso procedesse con i suoi piani di annessione, fa sapere la Wafa citando una sua fonte, ma non si esclude il veto di qualche Stato più vicino a Netanyahu. Per evitare il problema si potrebbe in alternativa congelare il programma Horizon Europe 2021-2027 o interrompere l’accordo Ue-Israele che dà a quest’ultimo la libertà di accesso al mercato europeo.

MORTO IBRAHIM GOKCEK. NELLA TURCHIA DI ERDOGAN LA MUSICA FA PAURA.

“Sono sul palco, con la cinghia del basso attaccata al collo, quella con le stelle che mi piace di più. Di fronte a me, centinaia di migliaia di persone, con i pugni alzati, cantano ‘Bella ciao’. La mia mano batte le corde del basso come fosse il migliore del mondo…Mi chiamo Ibrahim Gokcek. Per 15 anni ho suonato il basso nel Grup Yorum” raccontava il giovane bassista nella lettera inviata a fine aprile a L’Humanité.

Ci sono voluti 323 giorni di sciopero della fame per far fuori Ibrahim Gokcek, 39 anni, componente della perseguitata band turca Grup Yorum. Per lo stesso motivo si sono spenti in breve tempo due altri membri della band: Helin Bolek e Mustafa Kocak. Accusati di terrorismo e vittime di farse giudiziarie, Ibrahim credeva che “il motivo per cui siamo stati inseriti in questo ‘elenco terroristico’ è il seguente: nelle nostre canzoni parliamo di minatori costretti a lavorare sotto terra, di lavoratori assassinati da incidenti sul lavoro, di rivoluzionari uccisi sotto tortura, di abitanti dei villaggi il cui ambiente viene distrutto”.

Helin Bolek , Ibrahim Gokcek , Mustafa Kocak

Ibrahim Gokcek pesava 39 chili quando è arrivato in ospedale: in Turchia hanno deciso troppo tardi, un paio di giorni fa, di accogliere la sua semplice richiesta di tornare a suonare in pubblico. Incarcerato nel febbraio del 2019 ha deciso a maggio di iniziare a rifiutare il cibo portando avanti una lunga storia di scioperi della fame che vanno avanti da anni nella Turchia di Erdoğan.

“Da parte mia, con tutto quello che ho vissuto e che continuo a vivere non so dove continuerà il mio viaggio dopo questo letto di ospedale. Non so se spingerò il mio corpo fino alla morte o se vincerò la mia battaglia” scriveva idealmente all’amica Helin morta poche settimane prima. Ibrahim si è spento nel Paese in cui anche la musica fa paura.

NELLA POLONIA MENO DEMOCRATICA CHE VUOLE VOTARE VIA POSTA

Il 10 maggio, questa domenica, i polacchi dovrebbero recarsi alle urne per il primo turno delle elezioni presidenziali: il problema è che ancora non si sa se ciò avverrà ed eventualmente come. Nonostante la Polonia sia tra i Paesi europei meno colpiti è facile immaginare come organizzare normali elezioni porti ad assembramenti che non ci si può permettere in questo momento.

La soluzione più semplice e logica sarebbe quella di rimandare le elezioni dichiarando lo stato di emergenza, ma questa è una formula che sembra non piacere al presidente Duda, del partito di destra Diritto e Giustizia, che forse pensando di incassare subito il suo altissimo consenso sembra cercare in tutti i modi di andare a votare subito. Si è ipotizzato allora di votare via posta, anche se non si può cambiare legge elettorale in questo modo, e le opposizioni hanno reagito parlando di boicottaggio in caso di elezioni tenute così.

Fortunatamente però ieri notte il Senato polacco ha bocciata la legge elettorale che avrebbe dovuto autorizzare le elezioni presidenziali via posta il 10 maggio. È stato un voto molto particolare con richieste continue di pause e senatori che si nascondevano neanche stessero giocando a nascondino: lo scopo era far saltare la votazione e far arrivare la legge direttamente sulla scrivania del presidente Duda.

Intanto per Freedom House la Polonia non è più un Paese con una “democrazia consolidata” ma bensì con una “democrazia semi-consolidata”.

BOLSONARO: UN MORTO CHE CAMMINA ABBANDONATO ANCHE DA MORO

Che il Brasile sia un Paese difficile da governare lo sa bene l’ex presidente Lula che era noto proprio per la sua capacità di riuscire a raggiungere accordi con gli avversari politici pur riuscendo a portare avanti le sue battaglie elettorali e a non deludere i brasiliani che lo hanno reso uno dei leader democratici con i più alti indici di gradimento della storia. Non si può dire altrettanto dell’attuale presidente Bolsonaro che non sembra molto abile come stratega ed ora rischia di cadere senza concludere il mandato. La gestione, pressoché inesistente, del coronavirus al quale il presidente brasiliano non ha mai prestato un minimo di attenzione lo ha fatto sicuramente mal vedere agli occhi di una parte del Paese che ormai non riesce più neanche a far curare le persone in ospedale. Al calo di gradimento di Bolsonaro si aggiunge l’aver fatto fuori dal governo due ministri in questo periodo forse anche più amati di lui: Luiz Henrique Mandetta, ex ministro della Salute, e Sérgio Moro, ex ministro della Giustizia. Il primo cacciato perché insisteva sulla necessità di isolamento causa Covid-19 ed il secondo uscito dal governo per motivi un poco più complicati. Tutto inizia qualche settimana fa quando Bolsonaro licenzia il capo della polizia federale, Mauricio Valeixo, per motivi mai chiariti: ciò ha indotto molti a pensare che Bolsonaro possa averlo fatto per ostacolare le indagini in corso su due sue figli. Del licenziamento avrebbe chiesto conto Sérgio Moro che sembra si sia sentito rispondere da Bolsonaro che avrebbe voluto al posto di Valeixo qualcuno di più fedele. Il tutto non è piaciute al ministro della Giustizia poi licenziatosi. Bolsonaro ha così perso quello che per i suoi sostenitori è il simbolo della lotta alla corruzione e all’abuso di potere nonostante vada anche detto che fu proprio Sérgio Moro il nome dietro al colpo di Stato ai danni dell’ex presidente Lula condannato per “atos indeterminados” con lo scopo di non farlo gareggiare alle presidenziali a cui ha poi vinto Bolsonaro. Bolsonaro non perde però consenso solo tra la gente ma anche all’interno del Parlamento, tanto da farlo correre ai ripari cercando di comprare appoggio da nomi non proprio puliti, in cui ora aleggia sentore di impeachment. Per lui problemi anche sul fronte giudiziario.

LIBIA: HAFTAR ASSUME I PIENI POTERI

In un discorso in tv tenutosi ieri sera, il maresciallo Khalifa Haftar ha annunciato la fine degli accordi di Skhirat del 2015 e quindi la presa dei pieni poteri da parte dell’Esercito nazionale libico, sotto il suo comando, “finché un governo civile non potrà essere ristabilito”.

Ricordiamo come il Paese sia diviso in due: da una parte, a Tripoli, troviamo il premier Fayez al-Serraj, mentre dall’altra, in Cirenaica, troviamo Haftar non intenzionato a riunire il Parlamento.
Tutti i negoziati ed accordi sono stati inutili.

Ulteriore svolta nella storia libica avvenne oramai un anno fa quando Haftar, forte degli aiuti di Egitto, Arabia Saudita, Russia ed altri, decise di lanciare una offensiva il cui esito è stato mutato dall’entrata in guerra della Turchia affianco di al-Serraj che tra gli altri è appoggiato anche da una Europa che da tempo prova a portare avanti le trattative ma che da un po’ di tempo ha perso molta voce in capitolo.

Forse è per le recenti fallimentari azioni in Tripolitania che Haftar ha deciso di venire meno agli accordi del 2015 con il Parlamento di Tobruk e quindi di assumere pieni poteri per provare a conquistare Tripoli sbarazzandosi definitivamente di al-Serraj. Sicuramente una ulteriore dimostrazione della poca voglia di Haftar di far cessare la guerra civile con un accordo.