Tag Archives America

USA, AFROAMERICANO MUORE SOFFOCATO DA UN POLIZIOTTO

“Non riesco a respirare, non riesco a respirare. Non uccidermi”. Sono queste le ultime parole di George Floyd, un afroamericano ucciso da un poliziotto di Minneapolis.

Tutto ha inizio verso le 8 di sera, quando degli agenti sono arrivati al 3700 di Chicago Avenue South per fermare un uomo che “appariva sotto l’effetto di droga” e che per i poliziotti avrebbe opposto resistenza all’arresto. Un agente ha bloccato George a terra tenendolo fermo con un ginocchio all’altezza del collo abbastanza a lungo da farlo morire in quello che vergognosamente è stato definito “incidente medico”.

“La polizia l’ha ucciso, l’ha ucciso lì di fronte a tutti mentre gridava non posso respirare” ha commentato un testimone che racconta anche come la “sua testa era così schiacciata a terra che gli usciva sangue dal naso”.
Inutile dire che in queste ore l’America è attraversata dalle proteste di innumerevoli persone che chiedono giustizia e che episodi come questo cessino di verificarsi.

“Avrebbero dovuto essere lì per servire e proteggere e non ho visto nessuno di loro alzare un dito per fare qualcosa per aiutarlo mentre chiedeva salva la sua vita. Nessuno di loro ha cercato di fare qualcosa per aiutarlo”. Queste sono parole della cugina di George la cui famiglia è a pezzi per la perdita subita e chiede che i quattro agenti coinvolti vengano accusati di omicidio.

“I can’t breathe”

il video

IL BUONSENSO NON BASTA! IN AMERICA NASCONO I “NO MASK”

Non ci vuole molto per far ricredere chi sostiene che gli italiani siano in grado di comportarsi responsabilmente ed una prova è data proprio dalle immagini delle piazze piene che hanno fatto infuriare sindaci da nord a sud. I sindaci sono sul piede di guerra! A pochi giorni dalle riaperture tutto sembra tornato come prima e sembra che la gente si sia dimenticata del coronavirus: persino nelle zone più colpite come Brescia la movida ha preso il sopravvento e distanze di sicurezza e mascherine sembrano iniziare a scarseggiare come il buonsenso. Mentre aspettiamo e speriamo non arrivi una seconda ondata di contagi che ucciderebbe sicuramente di più del mancato divertimento di tanti giovani, possiamo quantomeno essere felici di essere rimasti ai “no-Vax” mentre in America prendono piede anche i “no-Mask“.
Per alcuni americani importa poco aver perso più persone che durante la guerra del Vietnam o essere il Paese più colpito al mondo, l’importante sembra essere affermare il loro diritto di non indossare la mascherina con una pandemia in corso. È così che da alcune settimane negli Stati Uniti hanno preso piede le proteste di alcuni commercianti che hanno affisso cartelli che recitano “vietato indossare mascherine” o simili. Nulla di nuovo se si ricorda le proteste scaturite a San Francisco durante l’epidemia di spagnola del 1919. Se anche voi desiderate venire contagiati dal virus che ha fatto strage di connazionali e non, vi basterà trovare il modo di recarvi in America per partecipare ad un “Covid-19 party” oppure sperare di incontrare qualcuno che vi tossica sopra.

Negli Stati Uniti sono oltre 80mila i morti da Covid-19 e circa 20 milioni le persone che in questo periodo hanno perso…

Pubblicato da DestructIsmi su Domenica 10 maggio 2020

ISRAELE VIETA INGRESSO A DUE DEPUTATE AMERICANE

Israele ha negato l’ingresso a due deputate democratiche americane facenti parte di quella che è oramai nota come “The squad” ovvero Ilhan Omar e Rashida Tlaib. A renderlo noto è stato il viceministro degli esteri israeliano Tzipi Hotovely in un’intervista a Israel Radio dove ha affermato che il Paese “ha deciso di non consentire” l’ingresso delle deputate facenti parte del movimento di boicottaggio internazionale di Israele all’interno del territorio nazionale. La decisione non urta il Presidente di quella che dovrebbe essere la più grande democrazia al mondo che prima delle parole del viceministro aveva affermato che Israele si sarebbe mostrato debole se avesse lasciato entrare le due delle quattro deputate che da tempo prende di mira.