Sui social parlava di “teatrino del Covid”. L’Asl denuncia un negazionista

È stata formalizzata ieri, 27 novembre, la querela nei confronti dell’uomo che la settimana passata, dopo aver portato la madre in ospedale a Verduno, si era scagliato attraverso un post Facebook contro la “solita mangeria” ed il “teatrino del Covid”. Nel Paese in cui solo ieri di coronavirus sono morte 827 persone, l’Asl Cn2 aveva sin da subito comunicato l’intenzione di denunciare l’accaduto per tutelare il personale sanitario “per l’impegno profuso nell’affrontare questa delicata ed estenuante fase emergenziale che si protrae ormai da mesi”.

I vertici dell’Asl, scrive La Stampa, dichiarano: “Nonostante la fatica e il rischio quotidiani, tutto il personale non ha mai fatto venire meno la propria disponibilità e professionalità nei confronti dei cittadini e per questo sarà sempre offerto loro il massimo supporto da parte della direzione e delle istituzioni. Al contrario, non verranno tollerati dall’Azienda atteggiamenti denigratori nei confronti del lavoro svolto dagli operatori. A tal proposito, in data 27 novembre è stata presentata una querela per tutelare il personale dagli insulti e dagli atti diffamatori circolati in questo periodo, perché il lavoro di ognuno di loro va valorizzato non denigrato”.

About Giulio Raganato

17 anni, salentino appassionato di politica che ha a cuore i diritti sociali e civili. Fondatore del blog destructismi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *