Lollobrigida (FdI): non respingere i migranti perseguitati perché gay vuol dire favorire l’invasione

Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Afghanistan, Yemen. Questi sono alcuni dei Paesi in cui l’omosessualità è punita con la pena di morti. Sono decine, una settantina, gli Stati che considerano reato i rapporti consensuali tra persone dello stesso sesso.

Francesco Lollobrigida però, deputato di Fratelli d’Italia, non reputa che un migrante possa essere perseguitato per il suo orientamento sessuale o la sua identità di genere. Anzi, per lui queste sono tutte scuse che servirebbero ad accogliere più migranti possibili.

“La commissione Affari Costituzionali della Camera ha approvato un emendamento del Pd per impedire il respingimento di un immigrato che si dichiara perseguitato per il suo orientamento sessuale o la sua identità di genere. Di fatto, in questo modo si abolisce ogni limite agli ingressi. Così mentre gli sbarchi sono aumentati del 200% rispetto allo stesso periodo del 2019, solo oggi sono arrivati illegalmente 177 clandestini di cui 93 positivi al Covid, la sinistra lavora per favorire l’invasione. Smentiti gli annunci dei ministri Di Maio e Lamorgese che avevano promesso maggiori controlli agli ingressi. Fratelli d’Italia continuerà a denunciare queste politiche scellerate e, come già ricordato da Giorgia Meloni, si batterà contro la furia immigrazionista” ha scritto su Facebook.

About Giulio Raganato

17 anni, salentino appassionato di politica che ha a cuore i diritti sociali e civili. Fondatore del blog destructismi.it

Un commento

  1. È una pazza questa lollobrigida,veramente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *