NELLA POLONIA MENO DEMOCRATICA CHE VUOLE VOTARE VIA POSTA

Il 10 maggio, questa domenica, i polacchi dovrebbero recarsi alle urne per il primo turno delle elezioni presidenziali: il problema è che ancora non si sa se ciò avverrà ed eventualmente come. Nonostante la Polonia sia tra i Paesi europei meno colpiti è facile immaginare come organizzare normali elezioni porti ad assembramenti che non ci si può permettere in questo momento.

La soluzione più semplice e logica sarebbe quella di rimandare le elezioni dichiarando lo stato di emergenza, ma questa è una formula che sembra non piacere al presidente Duda, del partito di destra Diritto e Giustizia, che forse pensando di incassare subito il suo altissimo consenso sembra cercare in tutti i modi di andare a votare subito. Si è ipotizzato allora di votare via posta, anche se non si può cambiare legge elettorale in questo modo, e le opposizioni hanno reagito parlando di boicottaggio in caso di elezioni tenute così.

Fortunatamente però ieri notte il Senato polacco ha bocciata la legge elettorale che avrebbe dovuto autorizzare le elezioni presidenziali via posta il 10 maggio. È stato un voto molto particolare con richieste continue di pause e senatori che si nascondevano neanche stessero giocando a nascondino: lo scopo era far saltare la votazione e far arrivare la legge direttamente sulla scrivania del presidente Duda.

Intanto per Freedom House la Polonia non è più un Paese con una “democrazia consolidata” ma bensì con una “democrazia semi-consolidata”.

Aiutaci condividendo

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non ancora commenti