CORONAVIRUS, L’ONU CHIEDE TUTELA PER LA COMUNITÀ LGBT

Dall’ONU, in particolare dall’Alto Commissario per i diritti umani Michelle Bachelet, arriva un avvertimento per tutti quei Paesi in cui la comunità LGBT in questo triste periodo viene etichettata come “untrice”: basti pensare a tutti quei religiosi che hanno parlato di coronavirus come una punizione divina causata dal mondo gay.

Nella nota diffusa dall’ONU si chiede che le persone transgender non siano messe da parte e che possano continuare la terapia ormonale. Chiaramente si chiede di vigilare affinché gli LGBT non vengano discriminati (in particolare per quanto riguarda l’accesso al servizio sanitario) e di ricordarsi che sono in tanti a vivere bloccati in casa con genitori omofobi; un po’ quello che succede con le troppe donne vittime di violenza.

In Paesi in cui determinate minoranze vengono lasciate sole, se non proprio colpevolizzate, non sarà certo un invito a far cambiare mentalità ma almeno queste minoranze possono sapere di non essere sole.

Aiutaci condividendo

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non ancora commenti