NASCE “ODIARE TI COSTA”

Nasce “Odiare ti costa”, l’iniziativa nata dall’associazione Tlon assieme allo studio legale Wildside di Cathy La Torre al fine di portare in tribunale l’odio online, ovvero: minacce, calunnie, diffamozioni etc. Odiare ti costa ha messo in piedi un gruppo di avvocati, investigatori, esperti e filosofi che raccoglieranno le segnalazioni inviate all’indirizzo mail odiareticosta@gmail.com. Tra importanti nomi che hanno già aderito all’iniziativa abbiamo Fiorella Mannoia e Michela Murgia.

“Perché se il diritto di critica è sacro e inviolabile, se la libertà di opinione è sacra e inviolabile, se la libertà di dissenso, anche aspro, duro, netto, schietto, è un diritto sacro e inviolabile, la diffamazione no, l’ingiuria no, la calunnia no, l’offesa no, la minaccia no. Quelli sono delitti. Anche e soprattutto sui social. E arrecano danni. E quei danni vanno risarciti. Criticare una donna per le sue posizioni politiche è un sacro diritto. Augurarle lo stupro è invece un delitto. Criticare una persona perché solidarizza con i migranti è un sacro diritto. Insultarla, accusarla senza prove di qualche crimine, calunniarla è invece un delitto. Criticare un omosessuale per le sue idee è un sacro diritto: insultarlo, offenderlo, ingiuriarlo, augurargli o promettergli violenza no. Quello è un delitto. È un danno. E si paga. Fino a oggi le vittime di questi delitti sono state lasciate sole. Adesso basta”.

Aiutaci condividendo

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non ancora commenti