Stai vedendo Razzismo

ATTENTATO AD HANAU: COSA È SUCCESSO E COSA SAPPIAMO

By Posted on 0 1 m read 32 views

Germania, Hanau, ieri sera intorno alle 22 sono piovute pallottole allo shisha bar Midnight dove un uomo è entrato ed ha iniziato a sparare sulla gente che fumava Il narghilé. Il killer si è poi spostato con un’auto scura in una zona residenziale, nel quartiere di Kesselstadt, ripetendo l’operazione all’Arena Bar & Cafè. In tutto hanno perso la vita otto persone, mentre una nona ha perso la vita nella notte in ospedale per via delle ferite riportate.

A commettere la strage un 43enne tedesco di estrema destra, Tobias Rathien, il cui corpo senza vita è stato trovato questa mattina da forze speciali della polizia tedesca in una villetta a schiera. Assieme a lui anche il corpo della madre 72enne e, racconta Bild on line, anche una lettera in cui si afferma che alcuni popoli che non possono essere espulsi dalla Germania vadano “annientati”.

Sei giorni fa l’attentatore aveva postato un video su YouTube nel quale rivolgendosi agli americani parlava di una “invisibile società segreta” che li controlla. Per adesso si pensa a un “presunto atto di terrorismo” di matrice “xenofoba”.

PROFANATO CON UNA SVASTICA IL SACRARIO DI CAMERLONA

By Posted on 0 1 m read 81 views

Una svastica è comparsa al sacrario di Camerlona, in provincia di Ravenna, che accoglie le spoglie di tanti caduti partigiani del Gruppo Combattente della Brigata “Cremona”. Il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale, spiega come l’aver profanato il santuario sia un “insopportabile episodio, tra i tanti avvenuti in questi ultimi giorni in Italia, di atti vandalici che inneggiano al fascismo, al nazismo e all’antisemitismo”.

POMEZIA, SCRITTE ANTISEMITE DAVANTI A DUE SCUOLE

By Posted on 0 1 m read 40 views

Comparse delle scritte antisemite davanti a due scuole di Pomezia che si erano impegnate in iniziative sulla Shoah.

Questa mattina gli studenti del liceo Pascal hanno trovato scritto sull’asfalto dinanzi l’ingresso della scuola: “Calpesta l’ebreo” con affianco una stella di David e la croce celtica.

Episodio simile all’Ipsia di Largo Brodolini dove sono comparse le scritte “Anna Frank brucia” con accanto una svastica e “Parlateci delle foibe”.

La polizia indaga. I ragazzi intanto hanno reagito coprendo momentaneamente le scritte con gli striscioni “Non esistono razze superiori” e “Il fascismo non è un’opinione”.

CAGLIARI, SCAMBIATO PER UN CINESE: INSULTATO E PICCHIATO

By Posted on 0 1 m read 40 views

Trauma cranico e un mese di cure per Elida, trentenne originario delle Filippine, picchiato sul bus e poi in strada perché scambiato per un cinese. “Cinese, ci infetti con il coronavirus” gli avrebbero urlato prima che uno iniziasse a picchiarlo riempiendolo di lividi e sangue oltre che della triste consapevolezza dell’esistenza di un brutto morbo chiamato ‘razzismo’.

Foto di Casteddu Online

CEDE IL POSTO ALL’ANZIANA CHE LE RISPONDE: “SEI NERA, NON LO VOGLIO”

By Posted on 0 1 m read 63 views

A Lecco una 32enne senegalese, Binta, si trovava su un bus pieno di ragazzi intenti come lei a tornare a casa. Ad un certo punto sul mezzo è salita una donna anziana che non aveva un posto per sedersi: Binta allora si è alzata e le ha offerto il posto. Scioccante la risposta dell’anziana: “sei nera, non lo voglio”. Binta si trova in Italia da oltre 5 anni, è sposata, ha 3 figli e frequenta il centro provinciale per l’istruzione degli adulti dove ha raccontato l’episodio ed ha riscontrato di non esser stata l’unica ad aver avuto questo tipo di esperienza.

Foto presa da NewNotizie

NEONATO MUORE IN OSPEDALE E LE URLA DISPERATE DELLA MADRE DISTURBANO: “FATELA TACERE, STR***A”

By Posted on 0 1 m read 84 views

Sabato mattina nell’ospedale di Sondrio ha perso la vita una bimba di soli cinque mesi. La madre, una donna di origine nigeriana, si è accorta che la neonata non respirava normalmente ed è scesa in strada per chiedere aiuto: in ospedale i medici hanno detto a lei ed al padre che non c’era più nulla da fare. Comprensibilmente strazianti le urla della madre una volta saputa la notizia. A pensarla diversamente però diverse persone presenti che infastiditi hanno iniziato a fare sgradevoli commenti. “Non può essere così grave, fanno un figlio all’anno, perdere un figlio per loro non è come per noi”. “Quelle urla saranno un rito tribale o satanico”. “Mettetela a tacere, quella str***a”.

“NON SI AFFITTA A NERI, GAY E ANIMALI”

By Posted on 0 1 m read 74 views

Luca Neves, giovane cuoco nato a Roma ma originario di Capo Verde, denuncia il fatto che non gli si sia voluto affittare un monolocale a Roma per via del colore della sua pelle. “Volevo affittare un monolocale a Roma, ma il proprietario non affitta la sua casa ‘a neri, gay e animali’. Me lo ha detto l’agenzia immobiliare, che era mortificata. Io sono rimasto di ghiaccio. Mi sembra di essere tornati ai tempi di Hitler. Ho subito spesso episodi di razzismo, ma non avrei mai creduto che si potesse arrivare a tanto. Negarmi una casa in affitto solo per il mio colore di pelle”. Una volta che l’impiegata dell’agenzia immobiliare ha scoperto l’origine di Luca ha dovuto comunicare al ragazzo che il proprietario del monolocale, un signore anziano, non vuole affittare a “neri, gay e lesbiche e ad animali”. “L’agenzia ha ricevuto dal proprietario della casa delle direttive ben precise. Non vuole né persone di colore né gay o lesbiche. E l’impiegata, mortificata, mi ha detto che tempo fa una coppia di lesbiche, pur di prendere la casa, non ha detto che fosse una coppia omosessuale. Ma dopo tempo è venuto fuori e hanno dovuto lasciare la casa”. Luca Neves è intenzionato a muoversi per vie legali.

A UNA PARTITA DI CALCIO VOLANO INSULTI RAZZISTI VERSO UN BAMBINO DI 10 ANNI

By Posted on 0 1 m read 75 views

Durante una partita di categoria Pulcini tra le squadre Aurora Desio Calcio e la Sovicese si è consumato un nuovo episodio di razzismo questa volta ai danni di un bambino di soli 10 anni. Durante la partita un bambino è stato definito “negr* di mer**” da una madre di un giovane avversario. Il bambino nonostante ciò ha continuato a giocare e solo a fine partira a riferito quello che aveva sentito assieme ai compagni di squadra. Immediata la condanna della squadra Aurora Desio che ha denunciato l’accaduto su Facebook per poi venire contattata dalla Sovicese la quale ha proposto, per sensibilizzare sul tema, che sabato prossimo le loro squadre Juniores scendano in campo con il volto dipinto di nero.

INSULTI ED UN PUGNO AL GIOCATORE NERO

By Posted on 0 1 m read 87 views

Quella che doveva essere una normale e sana giornata di sport è degenerata in una aggressione di stampo razzista con un ragazzo 17enne finito in ospedale. Il ragazzo, di origine senegalese, stava giocando per la società Melzo 1908 una partita di campionato a Milano che però sin da subito è apparsa condita da insulti come “negr* di mer**” o “scimmia” provenienti dagli spalti. Il peggio però è giunto a fine partita, quando un giocatore della squadra avversaria ha nuovamente insultato il 17enne ed un suo compagno con analoghe parole provenienti dagli spalti. Il calciatore del Melzo al che, in procinto di aggredire il ragazzo, è stato fermato dai compagni di squadra che lo hanno calmato. Poco dopo però dagli spalti è sceso un genitore, forse il padre del ragazzo che aveva poco prima insultato, ed ha sferrato un pugno al ragazzo di origine senegalese. Giunto in ospedale al ragazzo sono stati dati 5 giorni di prognosi e la società Melzo fa sapere che è già pronta una denuncia.