Stai vedendo Antisemitismo

EX DEPUTATO ARTURO SCOTTO AGGREDITO DA UN GRUPPO DI FASCISTI

By Posted on 0 1 m read 109 views

L’ex deputato Arturo Scotto racconta di una aggressione che ha subito in Piazza San Marco mentre si trovava con sua moglie e suo figlio durante il festeggiamento per il nuovo anno.
“Un gruppetto di ragazzi (circa 8) urlavano “duce tu scendi dalle stelle” e “anna frank l’abbiamo messa nel forno” immediatamente dietro di me.
Intorno alla mezzanotte nel pieno di un grande e commovente brindisi collettivo.
Mi sono girato verso di loro e ho detto di smetterla, ero spaventato per mia moglie e mio figlio quattordicenne.
Hanno rincarato la dose urlando “duce duce”. Ho ripetuto che era inaccettabile che in un giorno di festa dicessero quelle castronerie.
Sono passati dalle parole ai fatti.
Uno, due, tre cazzotti in faccia. Sangue dal naso ma per fortuna nessuna frattura.
Un ragazzo di venti anni è intervenuto per sedare la rissa: pestato di brutto.
Non so come si chiama, ma lo ringrazio per il coraggio e il disinteressi.
Gli aggressori si sono coperti il volto e poi si sono dileguati. Come dei vigliacchi”. Il dirigente di Art. Uno fa sapere di aver sporto denuncia all’arma dei carabinieri ringraziando poi forze dell’ordine e magistratura. Riferendosi ai fascisti termina il post Facebook con le parole “non passeranno mai”.

INDAGATI ESTREMISTI FILONAZISTI

By Posted on 0 1 m read 49 views

L’operazione “Ombre nere” della Digos di Enna ha portato 19 persone ad esser indagate con l’accusa di costituzione e partecipazione ad associazione eversiva e istigazione a delinquere. L’operazione trae origine da un monitoraggio di militanti di estrema destra ed ha consentito di scoprire una rete di soggetti vasta intenzionata a costruire il “Partito Nazionalsocialista italiano dei lavoratori”. Esempio dei messaggi che si scambiavano è: “ammiro Hitler perché li bruciava tutti. Sono razzista, fascista e sono felicemente omofobo”. C’è anche chi, come un importante esponente della ‘ndrangheta, proponeva di “lanciare una molotov all’Anpi”.

LILIANA SEGRE SOTTO SCORTA

By Posted on 0 1 m read 63 views

Il prefetto Renato Saccone ha deciso di assegnare la scorta alla senatrice a vita Liliana Segre. La decisione è stata presa per via dei 200 e passa messaggi di odio che quotidianamente la senatrice riceve ed episodi come lo striscione di Forza Nuova. Liliana Segre avrà quindi due agenti di scorta che l’accompagneranno in ogni spostamento. Il presidente della comunità ebraica di Milano commenta dicendo essere “triste che ci sia bisogno di una scorta per proteggere una persona del genere”.

Foto di La Repubblica

TROPPO ODIO VERSO LILIANA SEGRE

By Posted on 0 1 m read 122 views

La Repubblica ha denunciato come la senatrice a vita Liliana Segre riceva ogni giorno circa 200 messaggi incitanti all’odio razziale. Il giornale riprende i numeri pubblicati dall’Osservatorio antisemitismo in cui si riporta anche qualche esempio delle parole indirizzate alla sopravvissuta di Auschwitz-Birkenau: “Hitler non ai (senza h) fatto bene il tuo mestiere” oppure “la senatrice a vita Segre sta bene in un simpatico termovalorizzatore”. La senatrice può però contare sul sostegno di tanti bravi cittadini e della maggior parte della classe politica.

Foto Ansa

GERMANIA: ANTISEMITA UCCIDE DUE PASSANTI

By Posted on 0 1 m read 58 views

Succede ad Halle, Germania, dove per poco non si è rischiata una strage. Un uomo in mimetica e armato, con una telecamera sull’elmetto per riprendere le scene, si è diretto verso una sinagoga con l’intento di far fuori i fedeli che si erano riuniti per la celebrazione del giorno dell’espiazione. Fortunatamente l’odio dell’uomo non è stato sufficiente per abbattere il portone chiuso che allora ha deciso di improvvisare: a venire uccisi una donna che camminava vicino il cimitero e un uomo in un negozio di kebab. Il tutto è durato circa 35 minuti, i quali sono stati trasmessi su un sito di videogame. A venire fermato è il 27enne Stephan Balliet che si pensa avesse programmato la strage fallita alimentato dal suo sentimento antisemita: “La radice di tutti i problemi sono gli ebrei”.

Foto di Agi