RAGAZZI DOWN INSULTATI IN PIZZERIA: “CI FANNO VOMITARE”

By Posted on 0 1 m read 69 views

A Filadelfia, un piccolo comune in provincia di Vibo Valentia, il 23 dicembre tre ragazzi down sono stati presi di mira dalle offensive parole di una famiglia. Siamo in una pizzeria dove i tre ragazzi hanno ordinato e si sono accomodati ad un tavolo poco distante da quello dei due accompagnatori. All’improvviso però una famiglia composta da tre persone e anche essa poco distante dai ragazzi, si alza, si lamenta ad alta voce e abbandona il locale. “A un certo punto hanno cominciato a urlare dicendo che i nostri ragazzi li facevano vomitare. Insomma, non volevano cenare vicino a loro. Senza alcun motivo, non avevano fatto niente, al massimo avranno tossito perché a uno di loro è andato di traverso l’antipasto. Tutto qui” spiega la madre di uno dei ragazzi. Componenti della famiglia avrebbero anche detto: “ci fanno vomitare” e “capisco che sono malati ma in un locale non possono starci”.

PICCHIATA PERCHÉ OMOSESSUALE: “NEL NOSTRO PAESE UCCIDONO LE LESBICHE”

By Posted on 0 1 m read 102 views

L’Arcigay Rainbow Vercelli Valsesia ha raccontato sulla propria pagina Facebook l’aggressione subita da una 25enne di origine nigeriana perché lesbica. Il fatto si è verificato giovedì 19 dicembre quando Jen, è questo il nome della ragazza, è stata fermata da un connazionale che per l’ennesima volta ha rivolto un invito alla donna. Per l’ennesima volta Jen ha rifiutato l’invito spiegando anche d’esser lesbica. L’uomo allora in preda alla rabbia le avrebbe rivolto le seguenti parole: “Nel nostro Paese queste cose non sono ammesse”. Alla risposta della ragazza l’uomo ha tempestato di colpi la ragazza per poi lasciarla tramortita a terra.

MARCO CAPPATO LIBERO

By Posted on 0 1 m read 82 views

“Grazie a chi mi ha sostenuto in questo percorso che ha portato al riconoscimento del diritto di Fabiano di non soffrire più”. Marco Cappato commenta così l’assoluzione della Corte d’Assise per l’accusa di aiuto al suicidio di Dj Fabo. Libero perché “il fatto non sussiste” quello della sentenza è stato un grande giorno per Marco, e non solo per lui, ma allo stesso tempo triste: l’esponente dei radicali in aula ha infatti ricevuto la notizia della morte della madre.

Foto presa da Tgcom24

LA DESTRA VINCE ANCHE PERCHÉ SA COMUNICARE

By Posted on 2 6 m read 333 views

LA SINISTRA IMPARI COME SI COMUNICA: NEL 2019 LE IDEE DA SOLE NON BASTANO. ECCO COME AGISCE SALVINI:

1,2 milioni su Twitter, 1,8 milioni su Instagram, 3,8 milioni su Facebook. Non sono i numeri di uno dei maggiori influencer in Italia ma bensì dell’On. Matteo Salvini che da poco è anche sbarcato su Tik Tok. La fine della Seconda Repubblica oltre a portare con sé la caduta delle ideologie e dei partiti tradizionali, inaugura anche nuovi modi di ottenere il consenso. Tutto questo a sua volta ha contribuito alla volatilità del pensiero politico di quella gente che ancora oggi si reca alle urne; pensiero plasmato dal politico usa e getta che per qualche anno può vantare il titolo di miglior comunicatore. Comunicazione, è qui che si gioca la partita, oggi molto più che prima: ieri ne era maestro Matteo Renzi mentre ad oggi il titolo di macinatore di consenso dovuto alla efficace comunicazione spetta a Matteo Salvini.

Nella società è inutile l’uomo dalle idee geniali ma che non è in grado di comunicarle in modo altrettanto geniale. Ma come funziona questa comunicazione geniale del segretario della Lega e perché risulta ad oggi tanto efficace al punto di essere dato nei sondaggi al 32%? Credo umilmente che il segreto per una buona comunicazione politica nel 2019 possa essere riassunto nella “trinità” televisione-territorio-social.

Presa da L’Espresso

Secondo dati Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) la televisione resta il mezzo di comunicazione maggiormente usato dal popolo italiano per informarsi ed è proprio qui che risiede la sua importanza: Salvini indirizza il proprio pubblico online alla visione di programmi in cui compare e nel mentre di una trasmissione, il suo team guidato da Luca Morisi, si occupa della diffusione si spezzoni e immagini con la giusta descrizione o battuta. Una comunicazione semplice e basilare nella scelta dei concetti e delle parole che rende il discorso accessibile e alla portata di tutti: e poco importa se quel che si dice è sbagliato finché lo si comunica nel modo giusto. Nei confronti, lo abbiamo visto con Renzi da Vespa, la cosa si complica se ci si trova davanti una persona minimamente più preparata e allo stesso tempo brava nella comunicazione: delegittimare l’avversario prima ancora che le sue idee oppure far credere che la parte opposta ritenga stupido il proprio elettorato (nessuno a cui viene dato dello stupido sarà mai disposto a cambiare idee!) aiuta certamente nel limitare i danni. Sono sempre da favorire le presenze individuali in un programma o volendo meglio ancora un confronto con un altro politico poco carismatico e cattivo comunicatore, ma da evitare uno scontro come quello da Bruno Vespa dal quale si può solo perdere: un sondaggio Index Research in cui si chiedeva chi si fosse preferito tra Salvini e Renzi dava vincitore il primo per solo lo 0,4%. Davvero poco se si considera quanto sia amato il leader della Lega e quanto odiato quello di Italia Viva. Questione invece davvero delicata e importante quella del par conditio solo a parole ma non nei fatti: sempre dati Agcom ci dicono come tra luglio e ottobre il leader del Carroccio abbia avuto oltre 100 ore di parlato in tv contro le 90 di Conte o le 26 di Zingaretti. Cosa ci si vuole aspettare se in tv ci va solo un esponente politico e se comunque sul piccolo schermo i partiti che ad oggi perdono consenso fanno l’errore comunicativo di far partecipare ai programmi delle persone prive di appeal?

Sondaggio

E cosa altro ha Salvini in più di altri? Azzarderei un team di 35 esperti che 24 ore su 24 si occupa della sua presenza sui social. “La Bestia” ad oggi assicura una delle migliori comunicazioni politiche in tutto il mondo e con essa anche un risultato elettorale da numeri a due cifre molto alti. La presenza online è importantissima ed ecco il motivo del perché gli account social del segretario della Lega sono attivissimi: basta farsi un giro per il suo account Twitter per capire di cosa parliamo o guardare i dati Dataroom che parlano di 17 post al giorno durante l’ultima campagna elettorale per le europee. E cosa postare? Tutto ciò che possa farti sembrare continuamente al lavoro per il bene degli italiani e attento ad i loro problemi va più che bene. Poco importa se non si hanno soluzioni concrete, tanto chi vuoi te le chieda nelle dirette Facebook dove viene meno un sano confronto politico o utilizzando i 280 caratteri di Twitter? Anche qui ci vuole molta attenzione ai dettagli: le grafiche, come sicuramente anche il concetto, devono essere abbastanza semplici, immediate e alla portata dell’italiano medio che ha altri interessi rispetto a capire cosa sia il Mes. E forse sarà inutile dirlo anche qui ma è importante nella comunicazione in generale riuscire a creare l’idea di un nemico da combattere perché paradossalmente ciò unisce ed evita di mettersi seduti a fare complicate analisi su come risolvere realmente un problema: così ogni occasione è buona per la pubblicazione di notizie che mettono in cattiva luce ad esempio lo straniero o il tweet che accusa gli avversari politici di essere traditori. Questo è anche un punto fondamentale per costruirsi un seguito online! Pensateci, se dovessi chiedervi una o due parole da associare ai temi affrontati online dal PD cosa mi rispondereste? Scommetto che è più difficile rispetto a quello che sarebbe farlo con la Lega. I social sono anche un ottimo strumento per far passare il messaggio del grande consenso che va seguito: i numeri se gestiti bene ne generano di altri. L’uomo segue la massa e lo sa Salvini che è anche molto attento quando fa le foto ai suoi comizi a far sembrare ci sia più gente di quella che realmente c’è ed altrettanto attento a delegittimare la parte opposta per il poco consenso riscosso.

Salvini a Lecce (maggio 2019)

Tra le altre cose il sorridente leader del Carroccio ha capito anche l’importanza del territorio e non lo ha fatto in tempi recenti quando ha capito che basta la sua figura su di un palco per svoltare le sorti di una elezione regionale ma lo fa da svariato tempo. L’agenda del senatore più che esser piena di interrogazioni parlamentari è piena di appuntamenti che si dividono in due parti: sterili comizi seguiti da centinaia di selfie con quelli che più che essere suoi votanti sono suoi fans. E di fatto la poca presenza sul territorio è lo stesso motivo che spinge i piccoli partiti a perdere consenso quotidianamente tra quelli che così divengono ex fedelissimi. Che gli importi o meno della città o della regione ove si reca per far vedere che lui a differenza di altri è presente ed è uno su cui poter contare, il segretario del partito ex secessionista non fa l’errore di frequentare solo le piazze virtuali, annullando di fatto anche la lontananza fisica dalle persone. Certo, anche qui bisogna fare attenzione a come si comunica e forse anche attenzione a come vestirsi! Sembra nelle ultime settimane che l’On. Salvini abbia cacciato dall’armadio i dolcevita per gli emiliani.

Termino semplicemente evidenziando come non voglia far passare il messaggio che la destra, ed in particolar modo Salvini, vinca solo ed esclusivamente per la comunicazione, ma sicuramente ciò gioca un ruolo cruciale. Con questo articolo ci tengo a sottolineare quanto la comunicazione sia importante ed a tracciare una sorta di guida utilizzata da Salvini e non solo. Se l’articolo vi è piaciuto vi invito a condividerlo ed iscrivervi alla newsletter!

NEONATO MUORE IN OSPEDALE E LE URLA DISPERATE DELLA MADRE DISTURBANO: “FATELA TACERE, STR***A”

By Posted on 0 1 m read 83 views

Sabato mattina nell’ospedale di Sondrio ha perso la vita una bimba di soli cinque mesi. La madre, una donna di origine nigeriana, si è accorta che la neonata non respirava normalmente ed è scesa in strada per chiedere aiuto: in ospedale i medici hanno detto a lei ed al padre che non c’era più nulla da fare. Comprensibilmente strazianti le urla della madre una volta saputa la notizia. A pensarla diversamente però diverse persone presenti che infastiditi hanno iniziato a fare sgradevoli commenti. “Non può essere così grave, fanno un figlio all’anno, perdere un figlio per loro non è come per noi”. “Quelle urla saranno un rito tribale o satanico”. “Mettetela a tacere, quella str***a”.

ELETTA LA PRIMA DONNA PRESIDENTE DELLA CORTE COSTITUZIONALE

By Posted on 0 1 m read 69 views

“La neopresidente finlandese ha detto che età e sesso non contano più. In Italia un po’ ancora contano, spero presto di poter dire che non contano più” ha affermato Marta Cartabia quando è stata nominata presidente della Corte costituzionale. 56 anni, Cartabia è la prima donna eletta presidente di questo importante organo di garanzia costituzionale. “Si è rotto un vetro di cristallo. È un passo significativo per la storia delle nostre istituzioni. Le donne in magistratura sono in maggioranza, rappresentano il 53% ma non ai vertici, nelle alte cariche. La mia elezione è un po’ l’elezione di tutte loro… In tal senso sento tutta la responsabilità di questa carica e l’onore di essere qui, sperando di fare da ‘apripista’ “.

GRETA THUNBERG CHIAMATA ‘MOCCIOSA’ DA BOLSONARO

By Posted on 0 1 m read 69 views

L’attivista Greta Thunberg è stata derisa dal presidente Bolsonaro dopo che la giovane ragazza aveva sui social condannato le crescenti violenze contro gli indigeni dell’Amazzonia. È per questo che il leader della destra brasiliano ha replicato: “Greta dice che gli indigeni sono morti difendendo l’Amazzonia, è sorprendente quanto spazio la stampa dia a questa mocciosa”.

SBUCANO SVASTICHE SUI MURI DI UN CIRCOLO ARCI

By Posted on 0 1 m read 61 views

In una frazione di Crema, Ombriano, nella notte tra sabato e domenica sono comparse svastiche e croci celtiche sui muri di un circolo Arci. Tra le altre cose sulla pagina Facebook del circolo c’è scritto: “Queste azioni sono delle vere e proprie intimidazioni fasciste che già in passato hanno colpito Crema, non solo il nostro circolo. Queste intimidazioni, comunque, non sortiranno alcun effetto sulle attività di una realtà che da anni è in prima linea nell’impegno sociale e nelle pratiche di solidarietà e inclusione”.