“UNA COMMISSIONE STRAORDINARIA PER IL CONTRASTO DEI FENOMENI DI INTOLLERANZA E ISTIGAZIONE ALL’ODIO E ALLA VIOLENZA”

By Posted on 1 2 m read 267 views

Il Senato con 151 sì ha approvato la mozione Segre che chiede l’istituzione di una Commissione per il contrasto di fenomeni come il razzismo, antisemitismo e in genere l’istigazione all’odio. Ho letto l’intera mozione e onestà intellettuale vuole che io dica che trovo comprensibili i dubbi che hanno portato i partiti di destra ad astenersi (e ricordo che astenuto è diverso da contrario). Quando nella mozione si parla di hate speech, e quindi molto di istigazione, non si scende mai nel preciso nel tentativo di risolvere un problema che riguarda proprio il linguaggio di comunicazione dell’attuale destra italiana: posizioni e pubblicazioni social non etichettabili come discriminatorie o semplicemente come istigatorie ma che alla lunga contribuiscono all’istigazione di quei fenomeni che si cerca di contrastare. Quando Salvini decide di pubblicare solamente notizie negative riguardanti migranti per poi sponsorizzarle con migliaia di euro, finisce sicuramente con l’incitare all’odio, ma prendere provvedimento lì dove le notizie risultano vere, e non semplici insulti volgari, si configura come un attacco alla democrazia e al libero pensiero nonostante si parli di pensieri di basso livello. Ci si sarebbe dovuti quindi soffermare sul mettere dei paletti a ciò che intendiamo per ‘istigazione’, magari specificando come portare avanti un pensiero di per sé non discriminatorio ma che può rappresentare una istigazione, non dovrebbe essere punito lì dove non c’è l’intento iniziale e si diffondono notizie che sono vere. Insomma, quello che è venuto a mancare in questa mozione è un incontro tra i concetti di istigazione ed i principi democratici di libertà di pensiero e parola. Se è però vero che la mozione di suo è molto lacunosa, è altrettanto vero che qui non si stava votando la semplice mozione ma la volontà di creare una Commissione che tra i compiti descritti nella mozione non ha il punire ma piuttosto il raccogliere dati e fare proposte. Riassumendo: la mozione sarebbe potuta essere migliorata ma il suo scopo è quello di creare una Commissione che per i compiti che dovrebbe avere non potrebbe rappresentare una limitazione a quei punti che la mozione non affronta e non andrebbe a censurare nessuno. Nel complesso la mozione è quindi più che votabile ma i dubbi avuti da determinati partiti non sono etichettabili come inventati.

La mozione la potete trovare qui: https://moked.it/blog/2019/10/30/commissione-lodio-testo-della-mozione-liliana-segre/

PADRE PROVA AD UCCIDERE IL FIGLIO PERCHÉ GAY

By Posted on 0 1 m read 206 views

Cantone di Berna (Svizzera): un ragazzo 17enne di origine irachena ha rischiato di morire per mano di suo padre. Una notte il ragazzo si sveglia con una lama puntata contro ed il padre, fondamentalista islamico, che ripete ossessivamente la domanda “sei gay?”. Il ragazzo riesce però a scappare dal balcone e dato l’allarme arriva polizia e ambulanza. Il ragazzo, che è in gravi condizioni, viene ricoverato in ospedale per gravi ferite al torace e al collo. Sono passati sei mesi da quella notte in cui un padre ha quasi ucciso un figlio per il suo orientamento sessuale e finalmente il giovane ha trovato il coraggio di parlare con l’intento di aiutare altri giovani omosessuali musulmani.

Foto di iGossip

TROPPO ODIO VERSO LILIANA SEGRE

By Posted on 0 1 m read 122 views

La Repubblica ha denunciato come la senatrice a vita Liliana Segre riceva ogni giorno circa 200 messaggi incitanti all’odio razziale. Il giornale riprende i numeri pubblicati dall’Osservatorio antisemitismo in cui si riporta anche qualche esempio delle parole indirizzate alla sopravvissuta di Auschwitz-Birkenau: “Hitler non ai (senza h) fatto bene il tuo mestiere” oppure “la senatrice a vita Segre sta bene in un simpatico termovalorizzatore”. La senatrice può però contare sul sostegno di tanti bravi cittadini e della maggior parte della classe politica.

Foto Ansa

IRLANDA DEL NORD: LEGALIZZATO MATRIMONIO GAY E ABORTO

By Posted on 0 1 m read 76 views

Solo l’Irlanda del Nord a differenza del resto del Regno Unito non aveva ancora legiferato sui matrimoni egualitari e si riteneva illegale l’aborto (salvo gravidanze minacciose per la vita della donna). Da mezzanotte però c’è stata l’ufficializzazione di quanto legiferato in luglio dal governo di Londra che ha approfittato della mancanza dei legislatori locali dal 2017 facendo scadere così in tranquillità il tempo massimo (21 ottobre) che in Irlanda del Nord avevano per opporsi. Le norme avranno effetto operativo dal 2020.

LA TIGRE DELLA TASMANIA FORSE NON È ESTINTA

By Posted on 0 1 m read 101 views

Si chiama tigre della Tasmania, o tilacino, e si ritiene che l’animale sia estinto dal 1936. Ha il corpo che ricorda quello di una volpa, marsupiale come i canguri, la coda lunga e sottile ed i denti particolarmente affilati. L’animale si ritiene si sia estinto per via del dingo e dell’uomo. Il governo australiano parla però di ben 8 avvistamenti durante gli ultimi 3 anni e ciò mette in dubbio che non siano rimasti esemplari. Nel febbraio scorso ci fu un avvistamento con un rapporto che afferma come i testimoni siano stati “sicuri al 100% che l’animale che hanno visto fosse un tilacino”.

Immagine di Criptozoo

TREGUA DI 5 GIORNI IN SIRIA. FORSE È GIÀ TUTTO SALTATO

By Posted on 0 1 m read 58 views

Il vicepresidente americano Mike Pence fa sapere di aver raggiunto un accordo con la Turchia per 5 giorni di tregua nel nord-est della Siria. La decisione è stata presa durante un incontro tra Pence ed Erdogan, il quale ha ottenuto anche il controllo di una zona di sicurezza di circa 32 km. Le sanzioni americane ad Ankara continueranno ad esserci finché il cessate il fuoco non sarà definitivo. Sembra però anche che oggi siano continuati alcuni combattimenti nella città di Ras al-Ain e ora bisognerebbe capire se ciò è avvenuto perché la notizia della tregua non ha ancora raggiunto la città o per altro.

PROFESSORESSA DICE PREGIUDIZI SUI “NEGR*” E LA CLASSE FA IL SALUTO ROMANO

By Posted on 1 1 m read 77 views

In una classe di secondo anno di un liceo scientifico di Livorno si è consumato uno spregevole episodio denunciato poi dalla madre di un’allieva. Quella che sarebbe dovuta essere una normale lezioni incentrata sul fenomeno delle migrazioni si è trasformata in un tripudio di pregiudizi come “ci rubano il lavoro”. Solo 3 studentesse si sono alzate e sono intervenute, trovando però come risposta il resto della classe che ha reagito facendo il saluto romano con la professoressa che si sarebbe messa a ridere. Su Facebook una madre scrive: “Ti massacri le corde vocali come mamma e insegnante per inculcare ai tuoi figli e a quelli degli altri che la razza umana è una sola, poi un bel giorno una professoressa dice a tua figlia e alla classe intera, una seconda liceo, che: ‘i negri che vengono in Italia ci vengono per rubare il lavoro, che hanno più soldi di noi tutti che è scientificamente provato che delinquono più degli altri (i bianchi)’. Tre ragazze si alzano in piedi per dissentire, il resto della classe le prende in giro, fa battutacce e facendo il saluto fascista inneggia al Duce. La prof ride. Sulla chat dei ragazzi della classe stanno girano indisturbate immagini di Hitler, svastiche e frasi vergognose. Livorno 2019”.

SIRIA: TRUCIDATA ATTIVISTA

By Posted on 0 1 m read 71 views

L’attivista curda Hevrin Khalaf, segretaria del partito Future Syria Party, è stata trucidata assieme al suo autista questo sabato in un agguato. La donna stava raggiungendo in macchina la città di Qamishli quando è stata fermata da miliziani siriani sostenitori di Erdogan che hanno fatto scendere lei e l’autista dal veicolo per poi ucciderli. Come per gli altri civili uccisi sabato, anche in questo caso sono stati diffusi in rete i filmati del massacro.

GERMANIA: ANTISEMITA UCCIDE DUE PASSANTI

By Posted on 0 1 m read 58 views

Succede ad Halle, Germania, dove per poco non si è rischiata una strage. Un uomo in mimetica e armato, con una telecamera sull’elmetto per riprendere le scene, si è diretto verso una sinagoga con l’intento di far fuori i fedeli che si erano riuniti per la celebrazione del giorno dell’espiazione. Fortunatamente l’odio dell’uomo non è stato sufficiente per abbattere il portone chiuso che allora ha deciso di improvvisare: a venire uccisi una donna che camminava vicino il cimitero e un uomo in un negozio di kebab. Il tutto è durato circa 35 minuti, i quali sono stati trasmessi su un sito di videogame. A venire fermato è il 27enne Stephan Balliet che si pensa avesse programmato la strage fallita alimentato dal suo sentimento antisemita: “La radice di tutti i problemi sono gli ebrei”.

Foto di Agi